Expedia® e Airlines Reporting Corporation: il prezzo dei biglietti aerei diminuirà tra il 4% e il 6% nei prossimi mesi dell’anno

 

Expedia® e ARC presentano uno studio mondiale sui trend di viaggio aereo del secondo semestre del 2015.I voli dall’Italia per Parigi sono quelli in media più economici rispetto allo scorso anno: -28%.

 

·         Gli europei prenoteranno più viaggi brevi in Europa mentre allungheranno i giorni di permanenza nei viaggi fuori Europa per massimizzare l’investimento 

·         Le tariffe aeree vantaggiose permetteranno agli italiani di volare risparmiando particolarmente verso Parigi, Madrid e Lisbona, tre delle città con la maggiore diminuzione dei prezzi dei biglietti aerei dall’Italia

·         L’Italia è tra le mete preferite di questa estate per chi prenota su Expedia mentre Milano vola con Expo 2015

 

Luglio 2015 -Le tariffe aeree sono in diminuzione e continueranno a diminuire. Tra il 4 e il 6% rispetto al 2014 nei prossimi mesi dell’anno. Ecco in estrema sintesi quanto rivela il nuovo studio “Travel Check-up: Air Travel Trends 2015”, presentato da Expedia® in collaborazione con Airlines Reporting Corporation (ARC). L’indagine offre una panoramica completa sui prezzi dei voli e sulla fluttuazione dei tassi di cambio, rivelando le rotte più convenienti rispetto allo scorso anno ed elencando i fattori “economici” da tenere in considerazione per sfruttare al meglio le tariffe aeree più vantaggiose grazie ad una pianificazione intelligente.

 

Expedia® presenta “Travel Check-up: Air Travel Trends 2015”: dove converrà volare questa estate?
Lo studio “Travel Check-up: Air Travel Trends 2015” si basa sull’analisi di numerosi dati di volo al fine di determinare l’attuale andamento del prezzo dei biglietti e anticipare alcuni possibili trend futuri. I risultati possono indubbiamente fornire informazioni utili per la pianificazione delle vacanze, soprattutto in un periodo dell’anno in cui moltissimi italiani sono alla presa con la ricerca della tariffa più conveniente e della destinazione migliore per vivere al meglio le vacanze estive, da sempre le più importanti dell’anno.

"L'analisi svolta assieme a ARC con dati di settore del trasporto aereo, uniti alle tendenze che emergono dalle preferenze dei viaggiatori che hanno scelto di prenotare tramite Expedia, suggeriscono che il secondo semestre di quest'anno offrirà ottime condizioni per viaggiare risparmiando rispetto al 2014" ha dichiarato Fabrizio Giulio, Managing Director per il brand Expedia in Italia.

Secondo lo studio, quindi, i prezzi dei biglietti aerei continueranno a scendere nel 2015 con diminuzioni comprese tra il 4% e il 6% rispetto all'anno precedente per le destinazioni di maggiore interesse  nell’Eurozona, in Asia, America Latina e Nord America. Questa previsione segue di fatto la tendenza riscontrata nella prima metà del 2015, con i prezzi dei biglietti già scesi in media del 2% in Europa e Nord America, mentre gli asiatici hanno visto diminuire il prezzo medio dei biglietti aerei addirittura del 7%.

 

Le destinazioni più vantaggiose per gli italiani
Secondo lo studio ARC, alcune delle mete con tariffe aeree più vantaggiose rispetto allo scorso anno per i viaggiatori italiani sono Parigi (-28%), Madrid (-23%) e Lisbona (-22%). Sotto al podio, ecco tre destinazioni che ben rispondono alla voglia di divertimento, soprattutto dei più giovani, come Amsterdam (-15%), Mykonos (-11%), e Berlino (-8%).

 

#

Destinazione

% variazione prezzo 2015 vs 2014

1

Parigi

-28%

2

Madrid

-23%

3

Lisbona

-22%

4

Amsterdam

-15%

5

Mykonos

-11%

6

Berlino

-8%

7

Los Angeles

-8%

8

Londra

-7%

9

Barcellona

-7%

10

New York

-4%

       

 

“Gli italiani potranno trarre beneficio dall’aumento di posti disponibili su alcune rotte. Con Air France e lowcost come RyanAir e Vueling che hanno aumentato i voli dall’Italia  Parigi, Madrid e Lisbona, per esempio, registriamo una maggiore disponibilità di biglietti e a prezzi migliori rispetto allo scorso anno”spiega Fabrizio Giulio.

Analizzando i dati di Expedia relativi alle offerte di pacchetti volo+hotel per viaggi tra giugno e settembre 2015 per tutte le destinazioni, s’è concluso che il risparmio può arrivare fino a 648 dollari (580 euro).Concentrandosi su un ampio numero di destinazioni gettonate dagli italiani, si possono ancora fare affari prenotando pacchetti volo+hotel su Expedia.it:

 

Destinazione

Massimo risparmio in % per chi parte dall’Europa

Possibilità massima di risparmio

New York

51%

2.448 €

Parigi

21%

257 €

Roma

14%

238 €

Barcellona

11%

146 €

Amsterdam

11%

127 €

 

"Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a sfruttare trucchi e consigli di viaggio per trovare la migliore tariffa e partire sapendo di aver fatto la scelta giusta. Per esempio, prenotare volo e hotel assieme conviene sempre, qualsiasi sia la destinazione, perchè esiste anche un rischio inferiore per l’albergatore di vedersi cancellare la prenotazione all’ultimo"ha commentato  Fabrizio Giulio. "Prenotare con un certo anticipo, inoltre, offre una scelta più ampia di tariffe aeree e di hotel così come la possibilità di usufruire di sconti su prenotazioni di alberghi fatte in anticipo".

 

L’Italia è tra le mete preferite per chi prenota su Expedia, mentre Milano vola con Expo 2015
Se invece ci concentriamo sull’analisi dei dati di Expedia, l’Italia si conferma tra i paesi più amati dai passeggeri europei: il Bel Paese è nella top 3 delle destinazioni più richieste da spagnoli (con una crescita rispetto all’estate 2014 di oltre il 60%), olandesi, francesi e tedeschi, tutti con richieste superiori al 30% rispetto all’anno passato.
C’è poi, ovviamente, un discorso a parte da fare su Milano. La città di Expo 2015, è la destinazione più in crescita tra quelle prenotate dai passeggeri francesi per l’estate 2015, con un eccezionale incremento del 140% delle prenotazioni rispetto allo scorso anno. La città attrae però anche più italiani (+30%) e turisti dal Nord Europa (per esempio, +20% dalla Norvegia).

Torino vede una grandissima crescita tra gli italiani che prenotano su Expedia.it, con le richieste raddoppiate rispetto al 2014. Volendo ipotizzare i motivi, gli eventi culturali e religiosi locali, come ad esempio l’ostensione della Sacra Sindone, rappresentano evidentemente un grande richiamo per chi vuole scoprire la prima capitale d’Italia.

Tra le più gettonate, non può mancare Roma, che ha visto un incremento di richieste da parte di molti turisti da tutta Europa. In particolare spagnoli, olandesi e irlandesi tutti oltre il 40% di richieste in più.

I sudditi di Sua Maestà sembrano invece preferire passare le proprie vacanze estive nella splendida Sorrento o a Venezia (entrambe con oltre il 50% in più di richieste dal Regno Unito), scelta sempre più spesso anche da olandesi (+50%) e svedesi (+25%). Anche il fascino di Firenze continua ad attirare grandi flussi turistici, in crescita rispetto al 2014 soprattutto le prenotazioni di passeggeri provenienti dalla Francia e dalla Spagna (+30%).

 

Il fascino dell’Oriente  
Anche se la maggioranza delle vendite di biglietti aerei a turisti europei si riferisce a destinazioni all'interno dell'Europa, l'analisi dei dati ARC di metà anno indica trend di crescita per i viaggiatori che dall’Europa scelgono di volare in Asia e Oceania.  Il volume dei biglietti per le classi premium[1] ed economy di turisti in partenza dall'Europa diretti verso Asia e Oceania è cresciuto rispettivamente del 4% e dell’11%  nel periodo  gennaio-aprile 2014 e gennaio-aprile 2015, superando di gran lunga la crescita di altre regioni a lungo raggio come il Nord America.

Inoltre, mentre le tariffe economy della regione sono rimaste molto simili a quelle della scorsa estate, chi viaggia in economy può sfruttare al massimo il valore del suo volo aumentando la durata del soggiorno. “Per chi viaggia in classe premium dall’Europa in Asia o Oceania, agosto è il mese perfetto per viaggiare, con un calo dei prezzi medi dei biglietti del 9% rispetto allo stesso periodo del 2014”, ha dichiarato Fabrizio Giulio. “Invece, chi viaggia o ha viaggiato in classe premium in Asia e Oceania a giugno e luglio ha ridotto la durata del proprio soggiorno, aumentandola contrariamente del 6% per le vacanze in agosto”. Un trend simile è osservabile anche nelle prenotazioni per la classe premium verso il Nord America, con una durata del soggiorno più alta fino al 10% in agosto 2015, rispetto allo stesso mese del 2014. Insomma, nonostante il dollaro forte, gli Stati Uniti continuano ad esercitare un fascino irrinunciabile sui viaggiatori europei.

 

Chi arriva in Europa e quando?
Tra i dati più interessanti a livello globale, lo studio ha rivelato che i viaggiatori provenienti dal Nord America sfrutteranno il cambio di valuta loro favorevole per prenotare vacanze più lunghe in Europa, in Giappone e in Australia. “L’Italia resta comunque al terzo posto tra le destinazioni turistiche più popolari al mondo dopo Francia e Spagna[2], quindi il fatto che i turisti americani stiano pianificando di passare più tempo in Europa quest’estate potrebbe essere una notizia davvero incoraggiante per il settore turistico tricolore”ha detto Fabrizio Giulio.

Lo studio suggerisce inoltre come giugno e luglio siano i mesi più gettonati dai turisti orientali per visitare l’Europa, mentre il Nord America è l’opzione più comune per agosto. I cinesi in particolare stanno sempre più scegliendo il Nord America per vacanze più lunghe in agosto. Il trend è probabilmente spinto dalla forza dello Yuan cinese nei confronti del dollaro. In linea con i risultati dell’Expedia Holiday Spend Index,i viaggiatori asiatici sono in media due volte più propensi degli Europei a scegliere la destinazione delle loro vacanze tenendo in considerazione di ottenere il massimo potere di spesa dal cambio con la loro valuta (oltre il 40% dei viaggiatori asiatici contro solo il 22% degli europei). Infine, c’è anche da sottolineare che i voli provenienti da Asia ed Oceania stanno riscontrando un inaspettato abbassamento del prezzo delle tariffe.

È possibile scaricare lo studio completo al link: http://expediablog.it/trend-viaggi-aerei-2015/.

 

Questo studio è frutto di una partnership tra ARC e Expedia e include i dati provenienti da oltre 20 paesi in tutto il mondo. Lo studio utilizza anche dati provenienti da altre fonti del settore come l'International Air Transport Association (IATA), Diio Mi e la Airline Tariff Publishing Company (ATPCO).



[1]  Per "Classe Premium" intendiamo la First e la Business class.

[2]Questa dichiarazione si basa sui risultati del The World Tourism Ranking pubblicato dall’Organizzazione Mondiale per il Turismo delle Nazioni Unite (UNWTO) all’interno del barometro sul turismo mondiale, rilasciato tre volte all’anno. Per stabilire la classifica, le nazioni facenti parte delle Nazioni Unite vengono ordinate in base al numero di turisti internazionali ricevuti, fatturato del turismo in arrivo dall’estero e considerando le spese dei turisti in partenza.