Vacanze e viaggi di lavoro, il workhaolic non è il modello dei 30enni

Secondo l’indagine di Expedia.it, le vacanze bonus, pochi giorni di relax aggiunti ai viaggi di lavoro, sono una nuova tendenza dei lavoratori più giovani. Inoltre, secondo gli esperti riducono lo stress e aiutano a migliorare le stesse performance professionali

 

 

Secondo l’ultima indagine di Expedia.it, la più grande agenzia di viaggi online al mondo, il confine tra vacanza e viaggi di lavoro è sempre più labile, e incoraggia i viaggiatori a concedersi piccoli break per staccare dalla propria attività professionale e migliorare l’equilibrio con la  vita privata.

 

Si assiste a due trend opposti. Il primo è che è sempre più difficile trovare spazio per relax e vita privata, con il lavoro che diventa irrinunciabile anche fuori ufficio. I dati dell’indagine di Expedia“Viaggi e Benessere”, infatti, mostrano come i viaggiatori italiani continuino a lavorare anche durante le vacanze: il 58% controlla la posta elettronica o la segreteria telefonica regolarmente, seguiti dai francesi (57%). La media europea è del 34%.

 

D’altro canto, i lavoratori più giovani hanno imparato a cogliere ogni occasione possibile, strappando piccoli break anche alla routine lavorativa. Se aggiungere qualche giorno di vacanza ai viaggi di lavoro non è ancora pratica abituale per gli italiani, va notato come i “Millennials”, la generazione tra i 18 e i 30 anni circa, siano più propensi a sfruttare i viaggi di lavoro per poi anche rilassarsi in una nuova città: ben il 41%, infatti, ha approfittato almeno una volta di un viaggio business per “attaccarci” qualche giorno di ferie, contro il 24% degli over 34.

 

Le “vacanze bonus” – più relax significa più produttività

Guardando ai dati della nostra indagine  “Viaggi e Benessere”, è facile rendersi conto di come brevi pause o veloci vacanze siano un grande aiuto per ridurre lo stress e farci sentire più riposati e pronti ad affrontare nuove sfide lavorative al ritorno in ufficio, senza giocarsi troppi giorni di ferie. Inoltre, questi “break” sono inevitabilmente anche un modo per risparmiare sulle vacanze, pagando solo le notti in albergo che si “aggiunge” a quelle di lavoro, perdipiù non pagando i trasporti.” commenta Fabrizio Giulio, Managing Director di Expedia.it “Infatti, nonostante sia ormai abituale essere sempre connessi, gli italiani riescono ad approfittare delle ferie: il 61% dichiara di riuscire a rilassarsi non appena raggiunge la destinazione di vacanza, mentre il 40% riesce a staccare non appena parte.”

 

In tutta Europa, anche solo andare in vacanza sta diventando sempre più complicato. La ragione principale è la difficoltà di coordinare le tempistiche in ufficio e la volontà di alcuni di sommare diversi giorni di ferie per godersi vacanze più lunghe in seguito. L’83% degli italiani, il 90% dei francesi, il 78% degli spagnoli e il 74% dei tedeschi lamenta di sentirsi “bisognosi di vacanze”, nonostante siano tra le popolazioni con più giornate di ferie a disposizione nel mondo.

 

Italiani, francesi e tedeschi sono i meno propensi ad aggiungere giorni di vacanza a un viaggio di lavoro. Al contrario, danesi, irlandesi, olandesi e inglesi tendono ad approfittare di viaggi lavorativi per godersi qualche giorno di pausa (tra il 34% e il 44%). Allo stesso modo, sono anche coloro che controllano meno le email durante le vacanze (meno del 33%) e meno della metà si sente “bisognoso di vacanza”.

 

È sempre più chiaro come sia necessario imparare a separare lavoro e vita privata: secondo il professore inglese Cary Cooper[1], esperto in gestione dello stress interpellato da Expedia, coloro che sono in grado di rilassarsi durante le ferie e a staccare davvero dalla routine quotidiana, tornano al lavoro con più produttività ed energia. Le vacanze sono chiaramente fondamentali per il nostro equilibrio e benessere.

 

Aggiungere qualche giorno di vacanza può essere un ottimo modo di rilassarsi e ottenere il meglio dal mix di vacanza e lavoro; al contrario, lavorare durante un momento che dovrebbe essere dedicato al riposo è controproducente e, a lungo andare, può ridurre la produttività. Nessuno vuole tornare dalle ferie e sentirsi ancora più stanco di prima!” Sottolinea il professor Cooper. “È importante separare il tempo dedicato al lavoro e quello dedicato a se stessi. Tutti usiamo i nostri dispositivi elettronici quando viaggiamo, e per molti è essenziale poter accedere ad internet e poter condividere con gli altri le nostre esperienze, ma semplicemente scollegando la posta elettronica professionale possiamo ridurre la tentazione di dare un’occhiata.”

 

Vi sono molti modi di utilizzare smartphone e tablet in modo da sfruttare al massimo i vantaggi della tecnologia mobile: gestire gli itinerari, trovare il miglior ristorante o orientarsi in una città grazie alle applicazioni. Queste guide ci aiutano a ridurre lo stress e a concentrarci sull’esperienza del viaggio” ricorda infine Fabrizio Giulio.

 

 

Le dieci regole del professor Cooper per rilassarsi durante un viaggio o una piccola vacanza

 

1.     Esiste l’impostazione “out of office”: usatela!L’impostazione “out of office” è uno strumento rassicurante ed elimina l’obbligo costante di controllare l’email. Se ne avete davvero bisogno per restare in contatto con i colleghi, impostate i parametri e controllate.

2.     Provate la consapevolezza. È importante che una vacanza non diventi solo un momento di “non lavoro”; godetevi il momento e provate a fare lo sforzo di  rendervi conto dell’ambiente che vi circonda.

3.     Ponetevi degli obiettivi. La motivazione personale che il lavoro dà alle persone non è qualcosa che deve poi ricadervi addosso nel momento in cui vi state prendendo una pausa. Ponete a voi stessi degli obiettivi, che sia la ricerca del posto migliore per provare il cibo locale come una passeggiata, qualunque cosa che possa darvi l’idea di aver ottenuto un risultato e vi faccia stare bene.

4.     Parlate!Viaggiare non consiste nello stereotipo di camminare a testa bassa, chiusi in voi stessi. Parlare con gli abitanti del luogo può aiutarvi a distrarvi dal lavoro, a vedere la vita da un’altra prospettiva e coltivare quell’aspetto dei rapporti sociali che ci fa stare bene.

5.     Condividete.Non c’è solo il tempo libero – mandate una cartolina, twittate, o condividere foto online.

6.     Esercizio. Quando si è in viaggio, può essere difficile trovare un po’ di tempo per l’attività fisica; tuttavia è un passo fondamentale rilassarsi e mantenere la mente libera. Cercate almeno di trovare il tempo per una corsa prima di prendere l’aereo, o prenotate un’attività avventurosa durante il viaggio.

7.     Mangiate sano. Quella “terra di mezzo” tra il lavoro e il piacere può portare ad agguantare cibo da fast food mentre si è in viaggio, ma una dieta salutare e nutriente è la chiave per mantenere alti livelli di umore ed energia.

8.     Programmate il tempo libero. Programmare gite per evitare sprechi di tempo può essere invitante, ma avere anche alcune ore libere da trascorrere con chi amate potrebbe rivelarsi gratificante e ancor più rilassante.

9.     Provate la meditazione per un autentico viaggio senza costrizioni. Se avete difficoltà a distrarvi sull’aereo, o nel primo giorno libero dopo giornate di duro lavoro, ci sono diversi esercizi di respirazione e visualizzazione che potete scaricare sul vostro smartphone e portare con voi.

10.   Trova il modo di farlo di nuovo.Se considerate il viaggio e le vacanze come parte costante per un buon equilibrio tra lavoro e vita privata, sarà più facile concentrarsi su come rilassarsi in quei momenti, piuttosto che pensare alle “vacanze bonus” come a un ritaglio di tempo “rubato” prima che il lavoro cominci di nuovo.

 

 

 

 

 

 

 

Expedia, Inc.

Expedia è l’agenzia di viaggi online leader al mondo e offre accesso a più di 240.000 proprietà prenotabili in tutto il mondo (inclusi hotel di lusso e le maggiori catene), più di 400 linee aere e un’ampia gamma di noleggio auto ed attività in loco. Unendo l’ampia possibilità di scelta con strumenti specializzati per aiutare ad affinare le opzioni, Expedia.it aiuta i viaggiatori a trovare e creare il viaggio che soddisfa al meglio le loro necessità. Ora, con la premiata app mobile di Expedia, è possibile pianificare e prenotare voli e hotel in mobilità. L’app Expedia offre utili strumenti per gestire il proprio viaggio, come mappe degli aeroporti; orario del check out all’hotel e notifiche sullo status del volo; mappe dell’hotel e molte altre funzioni. Per ispirazioni e consigli di viaggio visitate la nostra pagina Facebook https://www.facebook.com/expedia.it

 

Expedia.it è parte di Expedia Inc. La società aiuta viaggiatori business e leisure, indirizza la crescente domanda e il direct booking ai travel supplier, e fornisce agli inserzionisti la possibilità di raggiungere un pubblico di alto valore di viaggiatori in market attraverso Expedia Media Solutions. Expedia permette inoltre prenotazioni per alcuni dei maggiori hotel e linee aeree al mondo, per i top brand nel mercato consumer, per siti ad alto livello di traffico e migliaia di affiliati attraverso Expedia® Affiliate Network. (NASDAQ:EXPE). Per notizie aziendali e di settore, visitate www.expediainc.com o seguite l’account Twitter @expediainc.

Marchi registrati e loghi appartengono ai rispettivi titolari. © 2013 Expedia, Inc. Tutti i diritti riservati. CST: 2029030-50



[1]Professore di Psicologia organizzativa e della salute presso l’Università di Lancaster, presidente della British Academy of Management. Autore, tra gli altri, de “La partita del manager” e “La salute del manager”.