“Vita da Spiaggia”: mare e sole sono la coppia più amata dagli italiani

“Vita da Spiaggia”:
mare e sole sono la coppia più amata dagli italiani

Lo studio di Expedia rivela che quasi l’80% degli italiani sta programmando vacanze in spiaggia
Passeggiate, nuoto e lettura sono le attività preferite

“Vita da Spiaggia”, lo studio di Expedia che disegna l’identikit di italiani e stranieri in vacanza al mare, svelandone abitudini comportamenti e preferenze, conferma che la spiaggia è la destinazione preferita per la maggior parte degli italiani. Ben il 79% dei nostri connazionali ha fatto una vacanza al mare negli ultimi 12 mesi, al terzo posto dopo thailandesi (82%) e indiani (81%), contro una media mondiale del 56%.

E anche per quest’anno, il connubio mare e sole si conferma irrinunciabile: per le prossime vacanze, gli italiani stanno organizzando giornate in spiaggia, tra sabbia, ombrelloni e nuotate. “Quasi l’80% degli italiani sta programmando le meritate vacanze in spiaggia, contro una media mondiale del 58% ed europea del 55%” commenta Fabrizio Giulio, Managing Director di Expedia.it. “Gli italiani amano molto le spiagge del Bel Paese, ma le ferie estive sono un’occasione per scoprire altre destinazioni; il 52% degli italiani sta infatti pianificando viaggi all’estero, mentre negli ultimi 12 mesi, il 62% ha approfittato delle vacanze al mare per visitare un paese straniero: le destinazioni più gettonate sono state Spagna, Grecia, Francia e Croazia, ma non manca chi si è spinto fino in Florida, Brasile, California e Repubblica Dominicana.”

L’Italia, a sua volta, è stata la seconda meta estera da spiaggia più amata, dopo la Spagna: a scegliere il Bel Paese sono stati in particolare i tedeschi e gli austriaci.

Le destinazioni che gli italiani tendono a dimenticare? Hawaii, particolarmente amate dai giapponesi, Florida, meta classica per gli americani, e l’Indonesia, molto amata da viaggiatori provenienti da Singapore. Imparare da turisti di altre nazioni è un’ottima opportunità per scoprire nuove mete e abbandonare quelle più classiche.

Passeggiate e abbronzatura
Gli italiani amano le classiche attività da spiaggia, per ritemprarsi dopo un anno di lavoro.
Le passeggiate sulla battigia sono al primo posto, indicate dal 73% dei rispondenti. Prendere il sole (64%), nuotare e leggere (entrambe al 63%) seguono sul podio delle migliori occupazioni da spiaggia. Tra i più romantici che amano ammirare alba e tramonto (44%) e quelli che amano ascoltare la musica (39%), spiccano gli italiani che approfittano della spiaggia per osservare gli altri (34%) e magari conoscere nuovi amici (27%). Fanalino di coda lo sport: solo il 16% degli italiani gioca a calcio o beach-volley.

In tutto il mondo, le passeggiate sono l’attività preferita, in particolare da messicani (76%) e indiani (74%). In generale, lo sport non è tra le attività più gettonate: i più sportivi sono gli indiani – il 48% corre e fa esercizio, il 52% ci aggiunge anche sport come calcio e beach-volley – seguiti dai messicani.

I più interessati a conoscere nuove persone sono gli indiani (47%), seguiti dai brasiliani (35%) e dai messicani (31%): i più schivi e riservati sono i viaggiatori provenienti da Giappone (2%) e Hong Kong (8%).

In tutto il mondo, lavorare in spiaggia non è certo apprezzato: fortunatamente solo il 9% cede alla pressione delle scadenze; in India, però, ben il 32% dei viaggiatori si è ritrovato a lavorare anche in vacanza, seguito dal 17% degli americani. In Europa, italiani e irlandesi sono al primo posto: il 7% non ha abbandonato email e telefonate neanche sul bagnasciuga.

E la tecnologia? Ben l’87% dei viaggiatori italiani si connetterebbe se il wifi fosse disponibile in spiaggia, contro una media mondiale del 74% ed europea del 69%: navigare online e controllare le email sono le attività più gettonate. I più tecnologici sono i viaggiatori di Thailandia (96%) e Singapore (91%). I più bravi a disconnettersi sono australiani (40%), olandesi (38%) e tedeschi (36%).

Per chi sceglie tassativamente il relax, il dolce far niente è l’attività preferita, indicata al primo posto dall’81% degli italiani, mentre il 55% recupera il sonno perduto concedendosi qualche sonnellino.

Alla ricerca di tranquillità
In tutto il mondo, in spiaggia vince il relax: dopo un anno di lavoro, i viaggiatori non vedono l’ora di concedersi un po’ di tranquillità in spiaggia. Forse proprio per questo, il 45% dei turisti sceglie zone lontane dalla confusione. In particolare, ad amare la tranquillità sono soprattutto svedesi (68%), tedeschi, austriaci e thailandesi (66%). Decisamente in controtendenza gli italiani: il 62% sceglie aree densamente popolate, ricche di locali e ristoranti, nel centro dell’azione.  

Gli italiani amano viaggiare con famiglia (73%) e amici (22%): solo il 5% viaggia da solo, contro una media globale del 14%. I più autonomi sono i giapponesi: ben il 38% parte senza compagnia; seguono australiani (22%) e canadesi (20%).  Indiani (88%) e messicani (86%) si muovono con la famiglia al seguito, mentre gli italiani sono al primo posto tra chi sceglie la classica vacanza tra amici, seguiti a ruota dal 21% di viaggiatori di Singapore e Austria.